Home |  La Rivista |  Osservatorio |  Numeri precedenti |  Pubblicazioni |  Eventi |  Newsletter |  Pubblicità

c1
  Federalismi - Le riforme costituzionali del 1999-2001 sulla forma di stato dieci anni dopo
Direttore Prof. Beniamino Caravita di Toritto
 
c2

      segui federalismi.it su Twitter  Fb
  
stato » dottrina   Sommario del 24/03/2010 - Nr.6 - Anno 2010  

Le riforme costituzionali del 1999-2001 sulla forma di stato dieci anni dopo

Marcello Cecchetti (23-03-2010)

Qualunque tentativo di analizzare il rendimento istituzionale delle riforme costituzionali sulla c.d. “federalizzazione” della forma di stato italiana (legge cost. n. 1 del 1999, legge cost. n. 2 del 2001 e legge cost. n. 3 del 2001) non sembra poter fare a meno di muovere dalla individuazione degli obiettivi, delle aspettative e perfino delle “speranze” o degli “auspici” che si ponevano a sostegno o che, quantomeno, accompagnavano quegli interventi riformatori, i quali, come è noto, erano maturati − nella loro versione più compiuta prima dell’avvio dei procedimenti di revisione che condussero alla loro approvazione − nell’ambito dei lavori dell’ultima Commissione bicamerale per le riforme costituzionali presieduta dall’on. D’Alema.
 a) Si può ritenere che quelle riforme fossero caratterizzate da due coordinate principali:
il rafforzamento del potere decisionale dei cittadini nella determinazione degli indirizzi politici delle istituzioni rappresentative, in particolare sul versante dell’elezione degli esecutivi e delle assemblee legislative delle Regioni, in linea con quanto già precedentemente avvenuto con le riforme della legislazione ordinaria per l’elezione dei Sindaci e dei Presidenti delle Province (legge n. 81 del 1993) e per l’elezione dei Consigli regionali (legge n. 43 del 1995); a proposito di questa linea di tendenza, qualcuno parlò, addirittura, di “restituzione” dello scettro al popolo sovrano;
l’avvicinamento del potere pubblico, nelle sue diverse manifestazioni, alle situazioni e ai bisogni concreti dei cittadini, mediante la decisa valorizzazione dei livelli territoriali di governo coincidenti con le autonomie comunali, provinciali e regionali, in perfetta continuità con quanto già si era provato a realizzare con le riforme “Bassanini” del c.d. “federalismo amministrativo a Costituzione invariata”.
b) A queste coordinate risultavano collegati alcuni “macro-obiettivi” che i riformatori costituzionali di quegli anni intendevano conseguire, a prescindere dalle ragioni “contingenti” e/o “strumentali” che possono aver determinato la convergenza delle singole forze politico-partitiche nella risposta ad un generico quanto imprecisato “bisogno di federalismo”:
– il perseguimento della stabilità dei governi regionali, alla quale si collegava altresì una forte domanda di alternanza politico-programmatica e di deframmentazione del quadro politico;
− l’ampliamento del ruolo politico-amministrativo delle autonomie territoriali e del pluralismo istituzionale, in coerenza con i princìpi fondamentali già scolpiti nell’art. 5 della Carta costituzionale, attraverso lo spostamento del baricentro del sistema sulle sfere di competenza e sui poteri degli enti autonomi territoriali;
– l’aumento del tasso di democraticità dell’ordinamento complessivo attraverso l’affermazione del principio di sussidiarietà, sia in senso verticale che in senso orizzontale, come nuovo criterio atto a privilegiare e responsabilizzare i livelli di governo più vicini al cittadino, garantendo, al tempo stesso, una spiccata flessibilità dei meccanismi di allocazione del potere pubblico, anche in relazione ai confini con le attività dei soggetti privati;
– la riduzione dei compiti e degli apparati dello Stato a quanto strettamente indispensabile a garantire la unità e indivisibilità della Repubblica, ossia la coesione unitaria del sistema e la salvaguardia delle condizioni minime essenziali di eguaglianza dei cittadini sul territorio;
– lo snellimento, la semplificazione e la razionalizzazione organizzativa dell’amministrazione statale che, si riteneva, avrebbero potuto compensare – in termini di efficienza, efficacia e tempestività dell’azione amministrativa, nonché di ottimizzazione nell’uso delle risorse pubbliche – l’inevitabile “complicazione” che sarebbe derivata dalla moltiplicazione dei centri decisionali.
È possibile condividere, a distanza di un decennio, tali punti di partenza, oppure altri e diversi se ne debbono aggiungere o sostituire?
(segue)



Le riforme costituzionali del 1999-2001 sulla forma di stato dieci anni dopo - stato - dottrina - Preleva il Documento integrale


  Condividi questo documento


Il presente documento non è riproducibile su altri siti senza la previa autorizzazione scritta della Direzione della Rivista, in assenza della quale sono esclusivamente consentiti i link.


Documenti correlati
» Funzioni e funzionalità del Senato delle Autonomie
Annamaria Poggi (16-04-2014)
» La riforma costituzionale Renzi-Boschi al via
(16-04-2014)
» Non un Senato 'federale', ma un Senato 'federatore'
Francesco Clementi (16-04-2014)
» Glosse, scorrendo il testo della proposta Renzi
Beniamino Caravita (15-04-2014)
» Questioni di principio per la riforma costituzionale
Andrea Morrone (15-04-2014)
» Una riforma irragionevole?
Marilisa D'Amico (15-04-2014)
» Qualche breve considerazione sul disegno di riforma della Costituzione del Governo Renzi
Gavina Lavagna (15-04-2014)
» Alcuni ragionevoli motivi per prendere sul serio la proposta di riforma del bicameralismo
Sandro Staiano (15-04-2014)


gli articoli più letti negli ultimi sommari
sommario

n. 7/2014
 
» Le province nel Disegno di legge A.C. 1542-B
Daniele Trabucco (01-04-2014)
» 'Abrogatio' non petita, accusatio manifesta: la Corte Costituzionale interviene sulle vicende del d.lgs. n. 43 del 1948
Fabio Pacini (01-04-2014)
» La crisi dell’Eurozona e la (dis)unione bancaria
Diego Rossano (24-03-2014)
sommario

n. 6/2014
 
» La Corte costituzionale e l'attività della Corte dei conti (una breve nota sulle sentenze nn. 39 e 40 del 2014)
Beniamino Caravita ed Ettore Jorio (19-03-2014)
» I servizi pubblici economici tra mercato e regolazione
Giovanni Pitruzzella (19-03-2014)
» La qualità del sistema normativo fra pluralità delle politiche, elusione di snodi teorici e ricerca di un factotum
Paolo Carnevale (10-03-2014)
sommario

n. 5/2014
 
» Governo Renzi direzione Italicum?
Ida Nicotra (25-02-2014)
» Le riforme istituzionali: 30 anni di sterili tentativi parlamentari e di modifiche della legislazione elettorale.Dall’articolo di Craxi su l’Avanti del 1979 al discorso programmatico di Renzi del 2014
Vincenzo Lippolis (25-02-2014)
sommario

n. 4/2014
 
» Valori comuni e garanzie costituzionali in Europa (Call for papers)
Redazione (18-02-2014)
» La via italiana alla trasparenza pubblica: il diritto di informazione indifferenziato e il ruolo proattivo delle pubbliche amministrazioni
Paolo Canaparo (18-02-2014)
» Per un nuovo bicameralismo, tra esigenze di sistema e problemi relativi al procedimento legislativo
Simone Pajno (11-02-2014)
sommario

n. 8/2014
 
» Città metropolitane. Area, procedure, organizzazione del potere, distribuzione delle funzioni
Daniela Mone (09-04-2014)
» Note minime a prima lettura del disegno Renzi di riforma costituzionale
Antonio Ruggeri (08-04-2014)
» Ddl costituzionale 'Disposizione per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della Costituzione
(04-04-2014)
sommario

n. 5/2014
 
» Prime pronunce in tema di abilitazione scientifica nazionale
Tar Lazio (28-02-2014)
   

archivio Normativa



la rivista | numeri precedenti | pubblicazioni | eventi | links | pubblicità | contatti | RSS::Really Simple Syndication feed RSS aggiungi ai preferiti | segui federalismi.it su Twitter  Fb

federalismi.it - Rivista Telematica
Registrazione al Tribunale di Roma numero 202/2003 del 18.04.2003
ISSN 1826-3534



La rivista non si impegna a pubblicare interventi non richiesti. I contributi inviati saranno valutati in forma anonima secondo le regole di referaggio della Rivista, dandone riscontro agli autori. Non si pubblicano contributi già apparsi in altre riviste telematiche o ad esse destinati. I contributi devono essere comunque inviati all'indirizzo redazione@federalismi.it


Valutazione scientifica dei contributi pubblicati in federalismi.it
Tutto il materiale pubblicato è copyright © federalismi.it.
E' vietata la riproduzione anche parziale.

Tutti gli articoli firmati sono protetti dalla legge 633/1941 sul diritto d'autore. federalismi.it non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto.
Le foto presenti su federalismi.it sono state in larga parte tratte da Internet e, quindi, valutate di pubblico dominio.

Associazione sui processi di governo e sul federalismo
Via di Porta Pinciana 6, 00187 Roma
Partita IVA 06196041005


Società editoriale federalismi s.r.l.
Via di Porta Pinciana, 6 00187 Roma
Partita IVA 09565351005
amministrazione@federalismi.it
Direttore responsabile: Prof. Beniamino Caravita di Toritto

Comitato di direzione
Prof. Luisa Cassetti; Prof. Marcello Cecchetti;Dott. Renzo Dickmann;
Dott. Antonio Ferrara; Prof. Tommaso Edoardo Frosini;
Prof. Giulio M. Salerno; Prof. Maria Alessandra Sandulli;
Prof. Sandro Staiano.

Redazione
dott. Federica Fabrizzi (Redattore Capo);
dott. Andrea Danesi; dott. Daniele Porena;
dott. Maria Grazia Rodomonte; dott. Alessandro Sterpa;
dott. Andrea Vannucci; dott. Alfonso Vuolo.

Segreteria di redazione
dott. Giuseppe M. Di Niro; dott. Simon Pietro Isaza
dott. Umberto Ronga, dott. Federico Savastano
dott. Michela Troisi
dott. Andrea Luciani
E-mail: redazione@federalismi.it

Comitato scientifico || Comitato di referee

Powered by
http://www.contechnet.it
Execution time: 154 ms - Ip Address: 23.20.20.195