Log in or Create account

Numero 23 - 02 dicembre 2009 NORMATIVA [86]    GIURISPRUDENZA [31]    DOCUMENTAZIONE [4]

Trattato di Lisbona e metodo comunitario: il nodo da sciogliere

Con notevole ritardo rispetto alle previsioni originarie, il Trattato di Lisbona è finalmente entrato in vigore, consacrando un obiettivo perseguito con ostinazione dalle Istituzioni europee e, apparentemente, dai capi di Stato e di Governo.
Concepito per far ripartire il processo di integrazione, dopo l'arresto traumatico provocato dalla bocciatura della Costituzione europea nei referendum francese ed olandese del 2005, ha riprodotto sostanzialmente il contenuto di quest'ultima, eliminando i riferimenti costituzionali.
Ciò ha però richiesto una modifica della Costituzione francese e non ha comunque impedito che anche il nuovo Trattato fosse sanzionato da una consultazione referendaria negativa, questa volta ad opera dei cittadini irlandesi; che i Presidenti della Repubblica polacca e della Repubblica ceca si rifiutassero a lungo di firmarne la ratifica; che la Corte costituzionale tedesca, pur sancendo la compatibilità del Trattato con la Costituzione federale, rilevasse la sostanziale mancanza di legittimazione democratica delle istituzioni europee, subordinando ad un aumento di quest'ultima ulteriori avanzamenti del processo di integrazione.
Nonostante tutto, passando attraverso un nuovo referendum irlandese, che si è tenuto senza mettere in discussione il processo di ratifica in corso, quest'ultimo ha potuto compiersi, consegnando il Trattato agli europei. E durante l'intero processo, sul portale “europa.eu” la versione consolidata del “Trattato sull'Unione europea e del trattato sul funzionamento dell'Unione europea” ha occupato il primo posto tra le varie edizioni delle disposizioni fondamentali dell'Unione e delle Comunità europee, dando l'impressione che la Carta di Lisbona, pienamente integrata nel testo, fosse già efficace e creando qualche problema a chi, nel consultare quelle disposizioni, cercasse la norma comunitaria applicabile ad un determinato caso...
(segue)

 

La questione del 'federalismo fiscale' tra principi costituzionali ed avvio del percorso attuativo

Nel precedente quadro costituzionale il tema dell’autonomia finanziaria mostrava una forte divaricazione. E difatti per un verso, soprattutto nella riflessione pubblicistica, non si mancava di sottolineare, anche sulla scorta della esperienza comparatistica, come l’autonomia finanziaria fosse la vera architrave del sistema delle autonomie ed il più concreto banco di prova della effettività... (segue)

Il procedimento di attuazione della delega sul federalismo fiscale e le nuove sedi della collaborazione tra i livelli territoriali.

Nel presente contributo ci si soffermerà unicamente sulle disposizioni della legge n. 42 del 2009 dedicate a disciplinare il procedimento di formazione dei decreti legislativi delegati e su quelle volte ad istituire nuove sedi ed organi in cui, in collaborazione tra Stato e autonomie territoriali, dare origine alla nuova disciplina in materia di federalismo fiscale e in cui provvedere alla sua costante attuazione... (segue)

Jan Amos Comenius e la cittadinanza europea: Profili costituzionali

La presenza di un giurista ad un incontro dedicato al pensiero di Jan Amos Comenius in rapporto all’Europa potrà sembrare anomala. In effetti non ho titolo per intervenire nella discussione circa il contributo specifico che lo studioso ceco può recare all’idea d’Europa. Oltre al fatto di corrispondere al tanto cortese ed insistito invito del promotore principale di questo convegno “la Fondazione Jan Comenius”... (segue)

Le Nazioni Unite, la democrazia e il multiculturalismo. Appunti per una “Carta universale” dei principi della democrazia parlamentare

La globalizzazione ha consentito una diffusione capillare dei valori e dei principi del costituzionalismo, che ha generato una crescente domanda di democrazia in risposta ai problemi etici e politici del multiculturalismo, sia presso i paesi di recente accesso all’indipendenza... (segue)

Les décisions de la Cour constitutionnelle tchèque des 26 octobre et 3 novembre 2009: des décisions juridiques ou éminemment politiques?

Après le référendum irlandais du 2 octobre, voici enfin la Cour constitutionnelle tchèque qui a scellé le 3 novembre dernier les derniers débats et mis fin aux inquiétudes concernant la ratification du Traité de Lisbonne qui devrait désormais entrer en vigueur... (segue)

Dopo la camera dei Rappresentanti, anche il Senato USA approva la riforma di Obama in via 'procedurale'

L’inizio del confronto al Senato Usa, sulla proposta di riforma sanitaria elaborata e sostenuta dal presidente della Commissione finanza Max Baucus, senatore dello Stato del Montana, e collaborata sensibilmente dal leader del gruppo democratico Harry Reid (che ha preteso, a sorpresa, l’inserimento all’ultimo momento della public option ... (segue) 

  • ITALIA - DOTTRINA

    L’originalità del sistema sanitario della Lombardia

    Il Servizio sanitario nazionale (SSN) italiano, istituito con la L. 833 del 12 dicembre 1978, è classificabile fra i sistemi sanitari di tipo “Beveridge”, il cui progenitore è il National Health Service (NHS) britannico, cui esplicitamente si ispira il modello italiano.
    Entrambi i sistemi sono impostati sul principio della universalità (estensione a tutti i cittadini) e della solidarietà... (segue)
  • ITALIA - DOTTRINA

    Attività di promozione pubblica dello spettacolo e principio di sussidiarietà

    Di recente, un intervento di Alessandro Baricco su “La Repubblica” ha portato all’attenzione generale il tema dell’intervento pubblico nello spettacolo e, in particolare, quello del finanziamento statale alle attività teatrali e musicali. E non per lamentare, come solitamente avviene, l’esiguità delle risorse finanziarie stanziate rispetto al fabbisogno reale del settore, o per rilevare i bizantinismi e le defatiganti complicazioni burocratiche che caratterizzano le attuali procedure del finanziamento pubblico o, ancora, per chiedere l’emanazione di una legge che finalmente detti quella disciplina unitaria dello spettacolo dal vivo...(segue)
Execution time: 40 ms - Your address is 54.161.217.24