Log in or Create account

Numero 2 - 23 gennaio 2013 NORMATIVA [56]    GIURISPRUDENZA [31]    DOCUMENTAZIONE [17]

2012: un anno vissuto pericolosamente

La cronologia che l'Istituto Cattaneo cura per l'annale del Mulino su "Politica in Italia", opera quest'anno di Riccardo Vignati, copre 49 pagine (devo alla cortesia della Presidente Elisabetta Gualmini la possibilità della lettura delle bozze). Le persone i cui nomi ricorrono più di 10 volte sono in totale 13: al primo posto, come prevedibile, il Presidente del Consiglio Mario Monti con 113 citazioni; trattandosi di una rassegna di eventi di attualità politica non stupisce che ad esclusione del presidente Napolitano (quinto con 35 ricorrenze, ovviamente sottovalutato dal metodo che non può prendere in conto la "moral suasion" informale molto spesso decisiva), le altre cariche istituzionali scompaiano; al secondo e terzo posto, come prevedibile, figurano i due leaders delle forze politiche principali, Bersani con 53 e Berlusconi con 50, il quale ultimo, soprattutto a causa della riassunzione della leadership nella parte finale dell'anno, supera il segretario Pdl Alfano con 40; segue quindi l'ulteriore leader della "strana maggioranza", Casini, con 26; a questo punto compaiono in sequenza tutti i leaders di minoranza: Maroni 23, Bossi 21 (la graduatoria tra i due rispecchia l'avvenuto cambio alla guida della Lega), Di Pietro 17, Vendola 16, Grillo 11; trovano altresì spazio l'outsider Pd Renzi (13) e il Ministro Fornero, titolare dei dossier governativi più controversi, con 11.... (segue)

Nuove «norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e dei movimenti politici»: come cambia in Italia il sistema di finanziamento pubblico alla politica.

Da sempre il tema del finanziamento dei partiti e della attività politica attrae l'attenzione di studiosi e commentatori per le ampie implicazioni che lo stesso riveste rispetto ai principi del pluralismo, dell'uguaglianza, di un trasparente esercizio democratico, dell'accesso alla rappresentanza e... (segue)

Contrassegni a 5 stelle: evoluzioni, usi, elezioni, imitazioni.

Volendo trovare un elemento di novità per le elezioni politiche fissate per il 24 e il 25 febbraio, può certamente essere ritrovato nella prima partecipazione a una consultazione di livello nazionale del MoVimento 5 Stelle (d’ora in poi anche solo MoVimento o M5S), ispirato da Beppe Grillo negli ultimi anni... (segue)

La legge 24 dicembre 2012, n. 234, sulla partecipazione dell’Italia alla formazione e all’attuazione della normativa e delle politiche dell’UE. Parte I – Prime riflessioni sul ruolo delle Camere

Il 4 gennaio 2013 è stata pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge 24 dicembre 2012, n. 234 “Norme generali sulla partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione... (segue)

Il giudizio di ottemperanza dopo il codice del processo amministrativo e i decreti correttivi

Nella ricerca di consonanze e discordanze fra l’attuale sistema processuale definito dal codice del processo amministrativo ed i precedenti, il giudizio di ottemperanza registra, nella riflessione dottrinale, una significativa ed essenziale condivisione: che, cioè, continua a costituire un procedimento... (segue)

  • Le grandi città: avanzi del passato o soluzione del futuro?

    Sono passati poco più di quindici anni da quando George Gilder, lo scrittore e futurologo statunitense (“libertario di destra” come egli stesso amava definirsi), ha previsto la fine delle grandi città, etichettate come avanzi dell’era industriale, ormai inutili per lo sviluppo delle telecomunicazioni e della Rete. Nello stesso periodo, la fine delle grandi città era prevista anche da molti ambientalisti che riprendevano le polemiche antiurbane sviluppatesi nel XIX secolo (e risalenti a... (segue)
Execution time: 52 ms - Your address is 54.225.37.159