Log in or Create account

Numero 10 - 15 maggio 2013 NORMATIVA [24]    GIURISPRUDENZA [23]    DOCUMENTAZIONE [21]

Il rapporto tra le Camere “entranti” e il Governo “uscente” all’inizio della legislatura. Il potere parlamentare di indirizzo politico ad acta singula

All’inizio della XVII legislatura, a causa del protrarsi delle consultazioni per la formazione del nuovo Governo, presso le due Camere si sono registrati alcuni originali precedenti rispetto alla corrispondente fase iniziale delle precedenti legislature repubblicane, che inducono a riflettere sulla natura del rapporto che lega Camere “entranti” e Governo “uscente”. Infatti, pur in assenza di un rapporto di fiducia ciascuna Camera ha approvato indirizzi sotto forma di risoluzioni dirette al Governo in carica. Si tratta di due atti: risoluzione sulla relazione al Parlamento con la quale il Governo, ai sensi dell’art. 10-bis, comma 6, della legge di contabilità generale 31 dicembre 2009, n. 196, ha prospettato l’aggiornamento degli obiettivi di finanza pubblica; risoluzione per consentire allo stesso Governo di emanare un decreto legislativo su Roma Capitale, per il quale era imminente la scadenza della delega, dopo che il Governo stesso aveva reso comunicazioni alle Camere ai sensi dell’art. 2, comma 4, della legge 5 maggio 2009, n. 42, sul federalismo fiscale, per documentare le ragioni che rendevano necessario procedere alla relativa emanazione. Si segnala inoltre  che, prima del voto di fiducia al nuovo Governo presieduto da Enrico Letta, era prevista presso le due Camere la discussione e l’approvazione con risoluzione del Documento di economia e finanza (DEF) 2013, predisposto dal Governo uscente presieduto da Mario Monti, ai sensi degli artt. 7, comma 2, lett. a), e 10 della... (segue)

Le nuove frontiere del rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia. Il rinvio accelerato del T.A.R. per “disapplicare” il giudicato del Consiglio di Stato

Negli ultimi anni la giustizia amministrativa ha mostrato un crescente interesse verso l’utilizzo del rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di Giustizia UE e sui... (segue)

Sussidiarietà vs decentramento

Nonostante siano trascorsi più di dieci anni dalla costituzionalizzazione del principio di sussidiarietà, “non si può dire che nel nostro paese vi siano in proposito chiarezza e neppure significative convergenze sul modo d’interpretarlo e applicarlo”. Sembra non ancora maturata la consapevolezza di trovarsi di... (segue)

L’ordine di esame del ricorso principale e del ricorso incidentale tra «oscillazioni» giurisprudenziali e questioni irrisolte

Il tema del rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale evidenzia un effettivo contrasto giurisprudenziale, che, negli ultimi anni, si è venuto “acutizzando” non solo all’interno della giurisprudenza amministrativa, ma anche tra questa ed il Giudice comunitario. Contrasto... (segue)

Asimmetrie e criticità irrisolte della nullità amministrativa, attraverso la riforma della legge 241/90 ed il codice del processo amministrativo. Una rassegna di giurisprudenza.

Un tentativo di analisi della nullità amministrativa, alla luce della sua codificazione sostanziale con la novella della legge 241/90 e, quindi, dell'avvento del suo regime processuale con l'entrata in vigore del c.p.a., mostra alcune... (segue)

  • La riforma dei regolamenti parlamentari: un obiettivo da non sottovalutare

    Costituito il nuovo Governo e conclusa la lunga fase di avvio della XVII legislatura, l’attenzione si è ancora una volta concentrata sul tema delle riforme costituzionali. Sarebbe veramente imperdonabile se dovesse nuovamente trattarsi “Per le più che mature riforme della Seconda Parte della Costituzione” di un’altra “legislatura perduta”: E’ in questi giorni in corso l’approfondimento sulle modalità e gli obiettivi da assegnare all’ennesimo nuovo avvio del processo costituente... (segue)
  • Flux migratoires et politique commune dans le cadre de l’Union européenne

    L’émigration est un sujet de forte importance sociale et politique dans la réalité contemporaine. Un phénomène qui a un impact économique, culturel, démographique tant sur le contexte des régions de “départ” que... (segue)
  • L'arbitrato: un'altra strada

    Parto da un dato di comune acquisizione. Lo snodo di collegamento tra giustizia ed economia passa dalla manutenzione del processo civile. Ciò emerge a chiare lettere, tanto per citare un recente dato normativo, dall’art. 54 del decreto c.d. sviluppo del 22 giugno 2012, n. 83, convertito con modificazioni dalla legge n. 134 del 2012, che apre il capo VII, contenente “ulteriori misure per la giustizia civile”, rendendo evidente che... (segue)
Execution time: 53 ms - Your address is 54.159.105.39