Log in or Create account

Numero 11 - 28 maggio 2014 NORMATIVA [393]    GIURISPRUDENZA [233]    DOCUMENTAZIONE [3]

Prima lettura di un Parlamento (un po’ meno) Europeo

Vecchia saggezza giuridica ammoniva ad astenersi da definizioni in testi normativi. Non ne hanno tenuto conto i redattori del Trattato di Lisbona quando hanno scritto all’art. 10,4 TUE che i “partiti politici a livello europeo contribuiscono a formare una coscienza politica europea”. E’ accaduto infatti che “a livello europeo” sono intervenute intese pre-elettorali fra partiti “sovranisti” o “patriottici” dirette a formare invece una “coscienza antieuropea”, con il preciso intento istituzionale di costituire gruppi comuni in Parlamento, per contestare l’intera costruzione dell’ Unione e/o la sua moneta unica. Si è predeterminata  così quella dichiarazione di “affinità politica” richiesta dall’articolo 30, 1 del Regolamento del Parlamento europeo per la costituzione nel suo seno di “gruppi politici” (oltre ai noti requisiti numerici dei 25 deputati di 7 paesi). “Affinità” non soggetta a sindacato interno parlamentare. La “valutazione” del Parlamento è prevista infatti solo quando ci sia una dichiarazione inversa: di “non affinità” e la ratio del raggruppamento venga indicata quindi dai membri in semplice convenienza “tecnica”(conforme è la giurisprudenza della Corte di Giustizia). Queste intese fra partiti “sovranisti” avranno la virtù di liberare dal contestatissimo elenco dei “non iscritti” (art. 33 Reg. PE) anche piccoli nuclei di deputati o singoli che, non potendosi avvalere di una casa comune ,non avevano,nelle passate legislature, il conforto (e le facilities procedurali ed organizzative) riservato ai “gruppi politici” regolarmente costituiti. E’ difficile però... (segue)

Le elezioni dei quattro vincitori e le possibili conseguenze nel futuro prossimo

Chi ha vinto le elezioni europee? Questa è la domanda più importante da cui partire e a cui non è semplice dare una risposta immediata... (segue)

Elezioni europee del 2014 e scelta del candidato alla presidenza della Commissione europea: i primi passi della procedura

Le elezioni del Parlamento europeo del 2014, le prime nella vigenza del Trattato di Lisbona del 2007, hanno comportato una significativa... (segue)

Nuove attese per la composizione della Commissione. Ma sono davvero giustificate?

La legislatura europea che sta per prendere avvio è carica di aspettative di interesse per per quanto riguarda la composizione della... (segue) 

Un terremoto elettorale e politico? No e sì

Il voto europeo non è stato e, al tempo stesso, è stato un terremoto elettorale e politico. Non lo è stato quanto a un presunto crollo... (segue)

L’Italia in Europa: un’altra storia rispetto a media e ai sondaggi

I risultati per le elezioni europee del 25 maggio lasciano apparentemente pochi margini per l’interpretazione. Non capita spesso nel... (segue)

Elezioni europee 2014: serve visione e speranza

Come era prevedibile dopo il voto per il Parlamento europeo di domenica scorsa, e come conseguenza della campagna elettorale condotta... (segue)

Uscire dalla crisi attraverso l'Europa

L’esito delle elezioni europee avrà ampie e significative ricadute a livello nazionale. Questo non solo perché  ogni voto che coinvolga un numero apprezzabile di elettori nel nostro Paese, per la fragilità del quadro istituzionale e la cronica instabilità dei governi, assume... (segue)

Quali prospettive per l’integrazione politica in Europa dopo le elezioni?

L’interrogativo che dà spunto alle odierne riflessioni appare particolarmente pressante nell’attuale momento storico in cui sembra messo in gioco il futuro stesso dell’Unione... (segue)

Execution time: 75 ms - Your address is 23.20.202.156