Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio di Diritto sanitario

 Sanità, misure abilitanti generali sulla semplificazione e giustizia nel PNRR

Grazie a tutti. Un grazie particolarmente sentito al nostro Presidente e al nostro Consiglio Direttivo, ai quali rivolgo i più convinti complimenti per questa importante iniziativa, che hanno saputo con tanta immediatezza, interesse e impegno avviare e spingerci a seguire. Le ottime relazioni che mi hanno preceduto mi consentono di saltare alcuni passaggi introduttivi e di concentrare maggiormente l’attenzione sulla sanità (di cui originariamente pensavo si occupasse Saro Ferrara), facendo solo qualche minimo accenno alla giustizia. Non senza però premettere una riflessione di carattere generale, riallacciandomi anche alle considerazioni svolte da Fabrizio Fracchia e, adesso, da Alfredo Contieri. Queste riforme mettono, giustamente, al centro la pubblica amministrazione. Noi amministrativisti abbiamo quindi un privilegio, ma abbiamo soprattutto un “compito”, che non è un compito semplice, perché, al di là di qualche apparenza (come il “formale” inserimento di docenti in alcune, spesso altrettanto “formali” commissioni governative), il mondo accademico non è tendenzialmente ascoltato, o, quantomeno, non lo è adeguatamente. Perché le opinioni degli studiosi, più che sollecitare riflessioni più attente su profili di criticità del sistema, sono spesso utilizzate, con un abile cherry picking, anche dalla stampa, solo per dare lustro a scelte già assunte. Ma noi non dobbiamo stancarci di svolgere il nostro “compito”, non dobbiamo lasciarci demotivare dalla delusione: dobbiamo fare, come in questo incontro, ogni tentativo per assolvere alla missione di guida e di supporto che è demandata all’accademia. E dobbiamo indirizzare in questa direzione i nostri più giovani colleghi e i nostri allievi. È stato giustamente richiamato anche da Fabrizio Fracchia il ruolo primario della nostra Carta costituzionale. Essa deve essere il faro delle pubbliche amministrazioni: gli artt. 3 e 97, in primo luogo, ma anche i molti altri articoli che, come ricorda Guido Corso nel bellissimo saggio sul principio di legalità che introduce il nostro “Principi e regole dell’azione amministrativa”, indicano i confini dell’agire amministrativo. La pubblica amministrazione (e il discorso vale anche per i giudici) deve fermamente rispettare il principio di legalità e gli altri principi costituzionali e, per loro tramite, direttamente o indirettamente, quelli sovranazionali alla cui osservanza il nostro Stato si è vincolato… (segue)



NUMERO 18 - ALTRI ARTICOLI

Execution time: 189 ms - Your address is 34.239.177.24
Software Tour Operator