Log in or Create account

NUMERO 14 - 09/07/2008

 Sull'immunità delle 'alte cariche' una sentenza di 'mezzi silenzi'

Dunque c'è ancora un giudice a Berlino. Lavora a Roma, a Palazzo della Consulta, chiamato a svolgere un compito di garanzia tanto delicato quanto essenziale, affidatogli quando al governo degli uomini si è sostituito il governo delle leggi e, sopra queste, la legge delle leggi: la Costituzione. E' quanto viene in mente leggendo il dispositivo della sentenza n. 24/2004 che annulla  del 2003, noto come «lodo Maccanico» (preannunciava la decisione). La Corte ne ha dichiarato illegittimo il comma impugnato per poi estendere l'incostituzionalità anche alle rimanenti disposizioni, confermando con ciò le potenzialità garantiste dell'istituto dell'illegittimità consequenziale [ipotizzate da G. BRUNELLI,  tutela dei diritti fondamentali, carico dei Presidenti della Repubblica, delle due Assemblee parlamentari, del Consiglio dei ministri, della stessa Consulta.

(segue)



Execution time: 71 ms - Your address is 18.204.2.231
Software Tour Operator