Log in or Create account

FOCUS - Osservatorio Città metropolitane N. 1 - 28/11/2018

 Rapporto sull'attività della Città metropolitana di Milano dall'ottobre 2016 al maggio 2018

L’ultimo rapporto da me steso dava conto delle realizzazioni raggiunte, ma soprattutto delle prospettive create dalla congiuntura dell’istituzione della Città metropolitana con il rilancio/sviluppo di Milano avvenuto in un periodo particolarmente vivace per la città, legato all’esperienza di EXPO, all’investimento da parte del Governo attraverso i fondi per la coesione territoriale e sociale, alla vera e propria “esplosione” artistico-urbanistica (nuova zona grattacieli a Porta Nuova e a Citylife, trasformazione e riutilizzo degli ex scali ferroviari ecc.) il riferimento è all’Intesa istituzionale di programma, c.d. Patto per Milano, oltre alle risorse dell’Unione europea legate al PON Città metropolitane 2014-2020. Questa serie di fattori positivi aveva portato a sperare nello sviluppo di un ente di direzione o almeno di indirizzo quale poteva-potrebbe essere la Città metropolitana, rimasto per troppo tempo mero inchiostro sulla nostra Carta costituzionale (dal 2001) e nella legislazione ordinaria (non si deve dimenticare che il suo debutto sulla scena istituzionale risale al nuovo ordinamento delle autonomie locali: legge n. 142/1990 art. 17 - 21). Le C. M. avrebbero dovuto elevarsi e qualificarsi rispetto al modello tradizionale delle Province, affossato dalla legge Delrio - dando un nuovo slancio vitale per lo sviluppo di una grande metropoli urbana quale la città ambrosiana e il suo hinterland. Nel 2016 erano state previste sei Linee di sviluppo dall’Intesa istituzionale di programma firmata dal sindaco Sala e da Matteo Renzi (già citate nel Report di settembre 2016, qui riportate in breve: investimenti per la M4 e il prolungamento della M5; un sistema di difesa dalle esondazioni dei fiumi Seveso e Lambro; la costruzione dell’Human Tecnopole nell’area ex-Expo; progetti di edilizia pubblica nelle periferie; investimenti nel welfare e nella sicurezza), che avrebbero dovuto anche rilanciare la dimensione metropolitana. Per questa Intesa era stato previsto un Piano finanziario (per il periodo 2016-2018) da 2,5 miliardi di euro… (segue)



NUMERO 23 - ALTRI ARTICOLI

Execution time: 12 ms - Your address is 54.234.228.78