Log in or Create account

NUMERO 24 - 05/08/2020

 L’affidamento in house del servizio di tpl di passeggeri su strada e per ferrovia

Abstract [It]: Il contributo, dopo aver esaminato l’evoluzione e l’assetto dell’attuale disciplina normativa in materia di affidamento del servizio di trasporto pubblico locale di passeggeri su strada e per ferrovia, cercando di fornire anche un’analisi del contesto nazionale di applicazione, affronta il problema del coordinamento tra la disciplina nazionale, in particolare dell’art. 18 del d.lgs. n. 422/1997 (c.d. decreto Burlando) con la disciplina comunitaria, che, all’art. 5 del Reg. CE n. 1370/2007, consente l’affidamento in house del servizio.


Abstract [En]: This paper is firstly aimed to analyze which is the proper connection between national rules covering public procurement procedures of public passenger transport services by rail and road (ex article 18 Legislative Decree n. 422/1997) with the European regulation, which allows in-house assignments of the service (ex article no. 5 EC Reg. n. 1370/2007). This survey cannot disregard the exam on the evolution and the structure of the current regulatory framework regarding the awarding of the public transport services by rail and road, trying to provide an analysis of the national implementation process.

 

Sommario: 1. Il trasporto pubblico locale di passeggeri su strada e per ferrovia: evoluzione normativa italiana ed europea; 2. L’attuale assetto normativo in materia di trasporto pubblico locale ed alcune questioni interpretative; 3. La difficile apertura alla concorrenza: il contesto di riferimento della disciplina normativa. Una possibile chiave di lettura; 4. L’affidamento in house ed il disposto normativo di cui all’art. 5, paragrafo 2 del Regolamento (CE) n. 1370/2007: alcune questioni interpretative a livello europeo e nazionale; 5. Segue. L’affidamento diretto nelle ipotesi marginali c.d. de minimis di cui all’art. 5, paragrafo 4 del Regolamento (CE) n. 1370/2007: la nozione di “divieto posto dalla legislazione nazionale” e l’art. 18, co. 2 del c.d. decreto Burlando; 6. L’orientamento del giudice nazionale ed il ruolo del regolatore. Il caso ATAC s.p.a. quale spunto di riflessione: “eccezione che conferma la regola?”



Execution time: 84 ms - Your address is 34.200.236.68
Software Tour Operator