Log in or Create account

NUMERO 4 - 21/02/2024

 Il concorso degli strumenti di tutela giurisdizionale previsti dal GDPR tra diritto ad un ricorso effettivo ed esigenza di coerenza delle decisioni. Note a margine della sentenza BE c. NAIH

Abstract [It]: Secondo la Corte di giustizia, gli articoli 78 e 79 del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) attribuiscono ad ogni interessato rispettivamente il diritto ricorrere al giudice per contestare una decisione giuridicamente vincolante dell'autorità di controllo ed il diritto di agire in via giurisdizionale nei confronti del titolare o del responsabile del trattamento. Tali disposizioni, lette alla luce dell'articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, stabiliscono mezzi di ricorso cumulabili ed autonomi. Spetta agli Stati membri, in virtù del principio di autonomia procedurale, prevedere le modalità di articolazione di tali mezzi di ricorso affinché siano garantiti l’effettività della protezione dei diritti garantiti dal GDPR, l'applicazione coerente ed omogenea delle disposizioni dello stesso, nonché il diritto ad un ricorso giurisdizionale effettivo, sancito dall'articolo 47 della Carta. I principi affermati dalla sentenza BE c. NAIH rafforzano il diritto ad un ricorso effettivo nel settore della protezione dei dati personali.

 

Title: The concurrence of judicial remedies under the GDPR between the right to an effective remedy and the need for consistency of decisions. Observations on the judgment BE v. NAIH

Abstract [En]: According to the Court of Justice, Articles 78 and 79 of the General Data Protection Regulation (GDPR) give each data subject the right to appeal to the courts to challenge a legally binding decision of the supervisory authority and the right to bring judicial proceedings against the controller or processor. Those provisions, read in the light of Article 47 of the Charter of Fundamental Rights of the European Union, establish cumulative and autonomous remedies. It is for the Member States, in accordance with the principle of procedural autonomy, to lay down the detailed rules for articulating such remedies in order to ensure the effectiveness of the protection of the rights guaranteed by the GDPR, the consistent and homogeneous application of the provisions of the GDPR, and the right to an effective judicial remedy, enshrined in Article 47 of the Charter. The principles affirmed by the BE v. NAIH judgment strengthen the right to an effective judicial remedy in the field of personal data protection.

 

Parole chiave: Diritto alla protezione dei dati personali, Autonomia procedurale, Mezzi di ricorso, Esercizio parallelo, Articolo 47 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea

Keywords: Right to the protection of personal data, Procedural autonomy, Remedies, Parallel exercise, Article 47 of the Charter of Fundamental Rights of the European Union

 

Sommario: 1. Premessa. 2. Fatti di causa e quesiti posti dal giudice nazionale. 3. Il sindacato giurisdizionale sui provvedimenti delle autorità di controllo. 4. La decisione della Corte. 5. Cumulo dei ricorsi e contrasto di decisioni.  6. L’impatto della sentenza della Corte sull’alternatività di strumenti di tutela: uno sguardo al sistema italiano.



Execution time: 37 ms - Your address is 44.212.99.208
Software Tour Operator