Log in or Create account

NUMERO 18 - 10/06/2020

 Il whistleblowing come strumento di prevenzione della corruzione e dell’illegalità nella P.A.

Abstract [It]: Il presente contributo ha ad oggetto la disciplina nazionale sul whistleblowing, della quale si pongono in evidenza taluni aspetti problematici. Aspetti problematici che, se non corretti, rischiano paradossalmente di vanificare gli intendimenti di contrasto alla cattiva amministrazione che hanno indotto ad introdurre nel nostro ordinamento detta disciplina. Oltre a causare un eccessivo rallentamento dell’azione amministrativa la cui opportunità appare, oggi più che mai, necessario revocare in dubbio.

 

Abstract [En]: The paper focuses on the Italian legal framework regarding the so called “whistleblowing”. It highlights some problematic aspects of it which, if not corrected, paradoxically risk nullifying the intentions to combat maladministration which led to its introduction into  the Italian legal system. In addition to causing an excessive slowdown in administrative action which, nowadays, seems more inappropriate than ever.

 

Sommario: 1. Note introduttive.  2. La legge 190/2012 (c.d. legge Severino): brevi cenni. 3. Le origini della disciplina sul Whistleblowing e il modello per il quale ha optato il nostro legislatore nazionale. 4. Sull’ambito di applicazione dell’art. 54-bis e sulle garanzie accordate al segnalante: pre e post riforma del 2017. 5. Segnalazione ex art. 54-bis e diritto di accesso agli atti. 6. La problematica delle c.d. “segnalazioni anonime” e il quadro “normativo” di riferimento ad oggi. 7. Segue. Strumenti di soft law e bilanciamento fra lotta alla corruzione e diritti dei soggetti segnalati: gli elementi di criticità che emergono da un esame delle Nuove Linee Guida 2019. 8. Più ombre che luci: brevi conclusioni e qualche conclusione da trarre (anche alla luce dell’emergenza Coronavirus).



Execution time: 85 ms - Your address is 18.215.185.97
Software Tour Operator