Log in or Create account

NUMERO 25 - 09/09/2020

 La dimensione amministrativa del regionalismo asimmetrico

Abstract [It]: Il dibattito sull’attuazione del regionalismo differenziato si è caratterizzato per il ricorrere di alcuni argomenti, sia sostanziali che procedurali. Il contributo prova a valorizzarne altri, nella prospettiva di offrire il giusto risalto alla dimensione amministrativo-funzionale sottesa al percorso di differenziazione. La riflessione incentrata sulle funzioni porta con sé conseguenze teorico-applicative sia rispetto ai soggetti pubblici che operano nel tessuto del governo locale, sia in ordine al trasferimento delle risorse umane e finanziarie correlate all’esercizio delle funzioni. Anche il rilievo dei profili finanziari necessita un ripensamento alla luce dell’argomento decisivo, ai fini di un’attuazione desiderabile della clausola di asimmetria, legato alla co-essenzialità tra i concetti di autonomia e differenziazione, avente riflessi diretti anche sull’organizzazione delle pubbliche amministrazioni accolta in Costituzione. La Costituzione, infatti, costituisce un limite insuperabile rispetto a qualsiasi applicazione dell’art. 116, comma 3, Cost. non conforme ai principi in essa accolti.

 

Abstract [En]: The debate on asymmetric regionalism has mainly been placed on some procedural and substantial sides of the theme. The essay takes into account other topics, in order to emphasize the importance of the administrative and functional dimension of the asymmetric regionalism. The administrative-centred vision leads to theoretical and practical implications with respect to the local government institutions and the deployment of human and financial resources related to the exercise of the administrative tasks. The importance of financial profiles also requires a rethinking in the light of the decisive argument, for the purpose of a desirable implementation of the asymmetry clause, linked to the co-essentiality between the concepts of autonomy and differentiation, having direct repercussions also on the organization of public administrations accepted in the Constitution. The Constitution, in fact, constitutes a limit with respect to any undesirable application of art. 116, par. 3, of the Constitution not complying with the principles that it contains.

 

Sommario: 1. Premessa: il regionalismo asimmetrico tra asimmetrie informative e contrapposizioni dialettiche. 2. La dimensione amministrativa del regionalismo (differenziato): «In principio sono le funzioni», non le materie (e solo in via programmatoria le politiche). Giustificazione del modello. 3. Il rapporto tra funzioni e risorse umane: marginalità degli aspetti procedurali, tendenziale irreversibilità del procedimento verso l’autonomia differenziata e valorizzazione delle autonomie funzionali e locali. 3.1. Il rapporto tra funzioni e risorse finanziarie: rilievo dei meccanismi di finanziamento e del principio di responsabilità. L’autonomia “dalle risorse”. 4. Al cuore del principio autonomistico. Differenziare non significa discriminare, a patto che si rispetti la Costituzione.



Execution time: 122 ms - Your address is 18.234.97.53
Software Tour Operator