Log in or Create account

FOCUS - Human Rights N. 23 - 27/07/2020

 Corte dei diritti dell'Uomo, Sentenza del 26/05/2020, In tema di tutela del diritto alla vita (art. 2 CEDU), sulla grazia ad un detenuto condannato all'estero per reati motivati da odio razziale e trasferito in patria per scontare il residuo della pena

La violazione del diritto alla vita dei ricorrenti, cittadini armeni, è esaminata dalla Corte in relazione alla grazia presidenziale concessa dal presidente dell’Azerbaijan nei confronti di un militare che, inquadrato nelle forze amate nazionali e presente in Ungheria in occasione di esercitazioni militari congiunte svolte dalla NATO nel 2004, per motivi di odio etnico aveva ucciso barbaramente il familiare di un ricorrente e gravemente ferito l’altro. Dopo la condanna per omicidio volontario del militare azero e la sua detenzione in Ungheria, era stata disposta la sua estradizione in Azerbaijan affinché scontasse in patria la parte restante della pena; ma questo veniva immediatamente rilasciato in virtù del perdono presidenziale e reintegrato nei gradi e nello stipendio. Conseguentemente la Corte constata la violazione da parte delle autorità nazionali azere dell’art. 2 CEDU nei suoi profili procedurali, nonché dell’art. 14 CEDU in ragione della manifesta motivazione razziale dei provvedimenti di cui il reo ha beneficiato nel suo Paese.



Execution time: 15 ms - Your address is 3.236.218.88
Software Tour Operator