Log in or Create account

FOCUS - Human Rights N. 23 - 27/07/2020

 Cambiamenti climatici e diritti umani: il divieto di refoulement in Teitiota c. Nuova Zelanda

Abstract [It]: Nel gennaio 2020, il Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha pubblicato le sue considerazioni in merito alla denuncia individuale che il Sig. Ioane Teitiota aveva presentato contro la Nuova Zelanda, in un caso che da subito è stato considerato storico in quanto il cambiamento climatico è stato ritenuto un possibile motivo di obblighi di non-refoulement. Dopo una panoramica sugli strumenti giuridici internazionali relativi a cambiamenti climatici e migrazioni, il caso sarà analizzato tenendo conto di recenti sentenze significative riguardanti questioni climatiche risolte con uno human rights-based approach.

 

Abstract [En]: In January 2020, the UN Human Rights Committee issued its views concerning the individual complaint that Mr Ioane Teitiota brought against New Zealand, a case which has been immediately considered ground-breaking by holding climate change a possible reason for non-refoulement obligations. After an overview on the international legal instruments related to climate change and migration, the Teitiota case will be analysed alongside other recent landmark climate judgments which have been decided adopting a human rights-based approach.

 

Sommario: 1. Premessa. 2. La migrazione negli strumenti internazionali relativi ai cambiamenti climatici. 3. Il caso Teitiota c. Nuova Zelanda davanti al Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite. 4. Verso uno human rights-based approach nelle controversie climatiche?



Execution time: 83 ms - Your address is 34.200.222.93
Software Tour Operator